La zucca: un capriccio di natura

La zucca è un ortaggio presente in tutto il mondo con i suoi novanta generi e le sue novecento specie; per la varietà del volume e del peso, delle forme e dei colori, è il simbolo dell’intemperanza e del capriccio in natura.

I semi di zucca vengono seminati ad aprile e circa un mese dopo la pianta fiorisce: prima i fiori maschili e poi quelli femminili, una minoranza dei quali saranno fecondati e si trasformeranno in frutti.

In Italia è coltivata soprattutto in Emilia Romagna, Lombardia , Veneto, Campania e Puglia. Tuttavia negli ultimi vent’anni la coltivazione è molto calata poiché oggi si producono e si consumano meno di un sesto delle zucche che si producevano vent’anni fa. E’ un ortaggio generoso perché praticamente della zucca si può mangiar tutto, la sua coltivazione è semplice anche in terreni meno fertili infatti sembra che troppi fertilizzanti e troppa acqua fanno addirittura male alla pianta.

La zucca è facilmente conservabile infatti viene raccolta alla fine dell’estate inizio autunno, rimane perfettamente commestibile e buona fino alla primavera successiva basta solo tenerla lontana dal freddo e dalle gelate.

La zucca si presenta di forma globosa schiacciata ai poli oppure allungata, esternamente può essere liscia, costoluta oppure bitorzoluta; la buccia si presenta di diversi colori: gialla, verde scuro, arancione o giallastra.

La polpa è pastosa e soda in genere fibrosa e di colore giallo o arancione.

I pregi della zucca sono notevoli. E’ particolarmente sana infatti non ama terreni fertili, non incorre nel rischio di accumulo di nitrati ed è resistente alle infestazioni di parassiti infatti non è sottoposta a trattamenti fitoterapici. E’ un ortaggio con poche calorie, ma ad alto potere saziante ideale perciò per chi vuole dimagrire. Ricca di vitamine come betacarotene e altre sostanze antiossidanti e anti-tumorali. Infatti la vitamina A di cui è composta la zucca contribuisce alla formazione di tessuti epiteliali (pelle e mucose) e interviene nel rinnovamento cellulare. La zucca essendo antiossidante inibisce la formazione di radicali liberi, combattendo l’inquinamento cellulare, l’invecchiamento precoce e la degenerazione dei tessuti. Dopo la patata, la zucca è un alimento ricco di potassio che è indispensabile per la sintesi di alcuni enzimi, per la trasmissione degli impulsi nervosi e per la regolazione dell’equilibrio idrico delle cellule.

Questo ortaggio dalle molteplici qualità nutritive ha molte qualità terapeutiche infatti la zucca è rinfrescante, lassativa, emolliente e diuretica e infine per la presenza di betacarotene le viene attribuita anche una proprietà anti-cancro.

Anche i semi della zucca trovano notevoli impieghi come trattamenti terapeutici in particolare nella cura della tenia come vermifugo; infatti i semi grazie alla presenza di un aminoacido, la cucurbitina, paralizza il verme e ne provoca il distacco dalla parete intestinale.

La zucca si presta nella preparazioni di piatti sia dolci sia salati.

One Response to "La zucca: un capriccio di natura"

Leave a Reply