Quanto è importante il riciclo degli scarti elettronici?

Secondo le ultime ricerche la proporzione di oro contenuta nella spazzatura elettronica è elevatissima e preziosissima.

A sostenerlo sono gli scienziati e gli esperti provenienti da 12 Paesi che hanno partecipato la settimana scorsa ad Accra in Ghana ad un convegno sulla E-Waste, organizzato United Nations University e dalla Global e-Sustainability Initiative.

Secondo il report degli scienziati, la quantità di oro contenuta in prodotti di elettronica di consumo in tutto il mondo, supera le 320 tonnellate, con un valore di mercato stimato in più di 16.000 milioni di dollari. Inoltre il contenuto d'argento arriverebbe intorno alle 7.500 tonnellate, ovvero all'incirca 5.000 milioni di dollari.

Quindi gli apparati elettronici come telefoni cellulari, computer portatili, computer fissi, e molti altri, contengono una enorme quantità di metalli preziosi, però il loro riciclo è molto basso.  Tra tutti i metalli preziosi per esempio, solo si ricicla tra il 10% e il 15% di oro, mentre il resto o non viene trovato o si perde nel processo di riciclo di prodotti con contenuti minori.

Secondo la ricerca, una tonnellata di placche elettroniche contiene 200 grammi di oro e una tonnellata di telefoni cellulari conterrebbe fino a 300 grammi di questo prezioso materiale. Una quantità non da poco se pensiamo che dalle estrazioni minerarie solo se ne trova una media di 5 grammi per tonnellata di materiale. Questo significa che il contenuto di oro nell'immondizia elettronica è tra le 40 e le 60 volte maggiore di quello reperito nelle estrazioni minerarie.

È davvero impensabile che in Italia e nel mondo si reciclino così poco gli scarti elettronici che per la maggior parte finiscono in Africa, in discariche non controllate, miniere abbandonate e cave di ghiaia. Non senza prima aver garantito profitti a chi gestisce illegalmente viaggi e smaltimento e a chi, in Europa, riesce ad eludere in questo modo i costi delle normative ambientali.

A pagarne le spese, i territori e chi li abita. Per arrivare a recuperare il rame da avviare al riciclaggio, gli oggetti vengono bruciati, rilasciando tossine e sostanze inquinanti che vanno a contaminare il suolo, l'aria e l'acqua, oltre a danneggiare la salute di chi in quelle discariche lavora. Bambini in molti casi, alcuni di appena cinque anni, secondo il rapporto Onu, che maneggiano per ore rottami contenenti piombo, mercurio e sostanze nocive per il sistema endocrino.

Questa è un altra delle conseguenze prodotte dal nostro stile di vita. Ecco perchè è importante il riciclo dei rifiuti elettronici. Sarebbe bene informarsi su come funziona il porcesso di riciclo nel comune di pertinenza.

Leave a Reply