Una casa con la classe energetica “A” è garanzia di risparmio

Gli edifici di nuova costruzione – così come gli elettrodomestici di ultima generazione – hanno una certificazione che determina la classe energetica, vale a dire l’efficienza energetica di un edificio e che spesso significa anche e soprattutto risparmio energetico ed economico. Per la abitazioni, la classe di eccellenza e la casa clima “A”.

Le classi energetiche

Le classi sono attribuite tramite il confronto con i parametri stabiliti dalla legge. Per quel che riguarda le abitazioni, si valuta il fabbisogno di calore in rapporto al consumo energetico espresso in kwh al m2. La classe energetica “A” corrisponde ad un consumo inferiore ai 30 kWh/m2 che significa un notevole risparmio economico, meno dispersione di energia e minori emissioni inquinanti. Le case di nuova costruzione devono avere la certificazione obbligatoria e già di classe superiore “A”.

Sostenibilità ambientale vuol dire anche risparmio energetico.

L’obbligatorietà della certificazione

La certificazione casa clima vale obbligatoriamente per le nuove costruzioni, ma interessa anche le vecchie costruzioni nel momento in cui si effettuano interventi di ristrutturazione e nello specifico:

  • ricostruzione parziale di edifici già esistenti o che hanno subito lavori di ristrutturazione che superano il 25% della grandezza della struttura;
  • costruzioni che hanno subito dei lavori di ampliamento superiori al 20%.
  • costruzioni che sono state vendute tramite la vendita totale di tutte le unità immobiliari.
  • edifici che sono utilizzati per scopi pubblici o che sono di proprietà di enti pubblici, che hanno una superficie superiore ai 1000 m2.
  • edifici che stanno subendo dei lavori che mirano a migliorare l’efficienza energetica della struttura.
  • costruzioni che sono state date in locazione, comprese anche le singole unità immobiliari.

La documentazione

Qualsiasi tipo di intervento prevede che vi sia una adeguata certificazione energetica. Si tratta di una documentazione che viene rilasciata da un tecnico specializzato e che contiene al suo interno le informazioni utili per stabilire l'efficienza energetica e la sostenibilità ambientale della costruzione quali l’efficienza del solo involucro, l’eco compatibilità della costruzione e una serie di ulteriori dati tecnici utili a chi rilascia la certificazione. La certificazione dura dieci anni ed è rinnovabile; ma ogni qualvolta si effettua un intervento mirato al miglioramento dell’efficienza energetica dello stabile, bisogna richiedere una nuova valutazione con il relativo rilascio della documentazione.

Un edificio certificato riceverà anche una targa da esporre in modo visibile con l’indicazione della propria classe energetica. Una casa certificata acquista un valore d’estimo maggiore e nei casi di compravendita, tutta la documentazione relativa alla certificazione deve essere obbligatoriamente ceduta all’acquirente al momento del rogito.

, ,

Leave a Reply